martedì 2 maggio 2017

The Originals. The Rise by J.PLEC [I Volume di III]

Ladies and Gentlemen, un'altra mini-recensione.

Questa volta è il turno di ...




The Originals. The Rise by JULIE PLEC
1722, Louisiana.
I fratelli Klaus, Elijah e Rebekah Mikaelson sono giovani e bellissimi, eppure sono i vampiri più antichi sulla faccia della Terra. Quando sono sbarcati sulla costa di New Orleans, pensavano di essere sfuggiti al loro passato e di poter iniziare una nuova vita, ma ben presto si sono resi conto di dover dividere la città con altre creature soprannaturali: le streghe e i lupi mannari. Da allora la convivenza è stata difficile e sanguinosa, soprattutto perché Klaus ha posato gli occhi proprio sull’unica donna che non potrà mai avere: Vivianne Lescheres. La ragazza è stata promessa a un licantropo per suggellare l’unione che riporterà la pace tra gli uomini lupo e le streghe, ma Klaus vuole conquistarla a tutti i costi. Riusciranno i vampiri a placare la loro brama di potere? Oppure daranno vita alla guerra più sanguinosa che la città della Louisiana abbia mai visto?

PRO:
- Storia ambientata nel 1722, New Orleans, prima dunque dello spin-off ambientato, invece, ai giorni nostri.
- Il POV non è unico, bensì abbiamo quasi ogni capitolo un pov (punto di vista, scusate, ogni tanto accorcio) diverso in base ai tre fratelli, che ricordo sono: Rebekah, Klaus e Elijah. Molto interessante e mai monotono. Tiene viva l'attenzione del lettore.
- La scrittura è scorrevole e mai lenta o ripetitiva. Anzi riusciamo ad entrare meglio nella mente dei tre fratelli e a seguire/scoprire con loro i vari intrighi, tradimenti ed alleanze.
- Il libro è diverso dai soliti, mi sembrava quasi di assistere ad un episodio della serie. Molto carino.

CONTRO:
- Il termine liceale è leggermente fuori luogo nel contesto storico, così come mi sembra di capire una sorta di problema con la linea temporale (erano passate settimane dal litigio tra i due? Non erano pochi giorni?), ma si può passare tranquillamente sopra.
- Julie Plec mannaggia a te, hai fatto del maiunagioia il tuo cavallo di battaglia eh? Aspettatevi duri colpi di scena.

PERSONAGGI MASCHILI
- Klaus possibile che tu sia un tale guastafeste?
Ho adorato la sua storia che lo rende forse un po' più umano rispetto alle apparenze. Ma d'altronde anche Damon sembrava il classico bad boy sanguinario ed invece.... [P.S. Sono sempre stata una Delena. Da quando? Ovviamente dal primo episodio della prima stagione di TVD];
- Elijah, con i piedi per terra come sempre, conosce alla perfezione i suoi fratelli tanto da strapparmi un sorriso quando, accanito, cerca di perseguire il suo obiettivo principale.
La sua mente è oltremodo calcolatrice, non me lo ricordavo così. Si sa però che i libri riescono a rendere il lettore più coinvolto nella storia rispetto ad un telefilm.

- I Navarro, oh ragazzi ve la siete cercata! Fatti vostri. Non riesco a simpatizzare per loro in questo frangente.

PERSONAGGI FEMMINILI
- Rebekah povera, sempre la solita romantica con guastafeste suo fratello che le mette quasi sempre i bastoni tra le ruote. E un po' sfigata però...
- Le streghe. Possibile che non abbiano tenuto in considerazione lo sviluppo di certi elementi come Viv e gli effetti dell'incantesimo?!?

RESPONSO: 5 stelle


CONSIDERAZIONI PERSONALI:
Non una storia da essere classificata ne "Gli Indimenticabili", eppure la luna piena se lo merita tutto.

Una lettura diversa che ti permette di riassaporare quell'ambiente che tanto abbiamo amato con TVD e poi con TO.