martedì 25 aprile 2017

Teach Me by M.FRAY

Ladies and Gentlemen,

un'altra mini recensione.

 


Teach Me by MARGHERITA FRAY
«Dove c’è tanto odio, c’è tanto amore» sparo, non troppo convinta che possa essere definita un’argomentazione e figurarsi una risposta.
Mi fissa ed è evidente che non sia convinto della mia risposta.
«Quindi la sua ostilità è dovuta a un celato amore nei miei confronti?»


Morgan Williams non crede ai suoi occhi quando vede entrare in aula un nuovo professore di Letteratura Inglese al posto della sua adorata Mrs. Tutcher. Chi è? E perché ha osato sostituire la sua professoressa adorata? Non importa quanto lui sia sexy, bellissimo, assolutamente attraente e persino intelligente, lei non proverà mai simpatia per uno del genere, che potrebbe di certo fare il modello, ma non l’insegnante. Cameron Wilde ha gli occhi più azzurri che Morgan abbia mai visto, recita Shakespeare a memoria, lui sa scherzare con gli alunni, sa essere insolente con classe, e si rivela più capace di quanto lei si aspettasse, perché Cameron Wilde è speciale e si avvicina pericolosamente al suo uomo ideale, ma è un professore, il “suo” professore, e una ragazza all’ultimo anno di superiori non può innamorarsi di un docente. Questo non è possibile.

Un amore nato tra i banchi di scuola in situazioni imbarazzanti e divertenti, dove sono le emozioni che travolgono e non lasciano scampo, anche se proibite. Non si può imbrigliare un sentimento, per quanto questo faccia male e sembri impossibile.

Attenzione: Questo romanzo fa sognare.

"Era una sonnacchiosa domenica quando un'illuminazione improvvisa ...."

Potrebbe iniziare così la mia mini-recensione eppure...eppure non mi aggrada. Sarò sincera, ultimamente mi stanco facilmente. Non riesco quasi più a trovare un libro decente nei miei generi preferiti (Romance, Paranormal e Thriller). Raramente trovo qualcosa che mi faccia divertire e sognare.
Tutte le trame sembrano uguali e appena un libro ha successo ecco TOT autrici che la riprendono pari pari, anche certi dialoghi, cambiando pochissimi elementi [un esempio? Twilight ripreso da Jennifer Armentrout in Obsidian e taaante altre]. Ecco che appena prendi un libro ti stufi subito dopo le prime righe, per me è così. Posso dire tranquillamente che mi sembra di averli letti tutti. Quindi sono rimasta sorpresa da questa trama innovativa. Non possiamo vantare infatti una vasta gamma di libri con protagonisti un docente e che docente oserei dire [forse giusto altri due: La Sposa in Bianco di Nora Roberts e Losing It. Credevo che il cielo fosse azzurro di Cora Carmack, di cui solo nel secondo c'è un rapporto tra professore e studentessa].
Qualcosa che non va in questo libro c'è, ne discuterò nei contro chiaramente, ma per una volta tanto passo sopra certi punti concentrandomi su altro.

Quindi, se dovessi descrivere il libro con 3 indizi direi sicuramente:
1- Letteratura (Yeah);
2- Professore di Letteratura;
3- Professore di Letteratura Sexy.

Yep, praticamente irrealizzabile nella vita reale. Dove potrei mai trovare un professore giovane con una passione per la letteratura?
Sintetizzando tramite i tanto amati Hashtag: CerteCoseCapitanoSoloNeiLibriSigh
Eppure non mi dispiace. Nel corso della mia carriera (scolastica) ho avuto solo docenti donne, certe più brave di altre e in grado di trasmetterti la passione per la letteratura ma, ahimè, nessun Cam.

Iniziamo la mini-recensione.
Dunque, con una variazione nella mia solita mini recensione,
PRO:
- Storia come dicevo originale. Siamo al liceo e dobbiamo confrontarci con tutti i problemi che ne derivano: ex ragazzi, migliori amiche, drammi, materie odiate e/o prof insopportabili.
Sembrerebbe una storia già sentita, ma questa volta l'elemento innovativo è sicuramente dato dall'introduzione di un personaggio come Cam.
- Stile di scrittura piacevole.
- Pov unico, nel senso solo della protagonista femminile.

CONTRO:
- Alle volte mi sembra che risulti troppo...ehm...come dire...surreale, più che altro per la relazione tra il professore e la studentessa. Un esempio? Senza spoiler, lo prometto. La parte nel pullman, all'andata. Bellissima e davvero l'ho amata, ma il rapporto è talmente palese, anche per i più ottusi, per cui mi chiedo "possibile che nessuno si lamenti?"
- Il rapporto anche tra le ragazze sembra a tratti inverosimile. Perlomeno non avrei tollerato certe cattiverie gratuite e non ci sarei passata sopra. Poi diciamocelo chiaro e tondo, ho un carattere un po' permaloso, quindi magari sono solo io che la penso così.

PERSONAGGI PRINCIPALI:
- La protagonista è Morgan Williams e ha 18 anni. Una passione smodata per la materia di letteratura in particolare *cough punto in comune con la sottoscritta*, che non vede l'ora di rivedere la sua amata professoressa: Mr. Tutcher e invece....sì, e invece cosa? Si trova davanti un ragazzino. E così ha inizio la storia.
La descrizione di Cam invece con gli occhi di Morgan è deliziosa!
Quindi, nel vedere che al posto della mia cara, motivante professoressa Tutcher sta entrando un ragazzo – nemmeno un uomo, proprio un ragazzo – davanti ai miei occhi assottigliati per il disappunto, si presentano soltanto tre alternative possibili: urlare, piangere, scrivere una lettera di lamentele al direttore dell’istituto perché, cielo, quello Shakespeare non lo saprebbe nemmeno sillabare.
Ecco la tragedia, o la benedizione, sotto forma di un professore con un complesso di superiorità perché SPOILER* è riuscito a laurearsi, sebbene sia dislessico. Ammetto questo difetto (se così si può chiamare, che difetto chiaramente non è, ma vi prego lasciatemelo passare ugualmente) mi ha fatto sciogliere e di conseguenza innamorare del professore.
- Cameron. Oh Cameron. 26 anni. Percorso universitario: seconda laurea. God. Dove ricapita un professore giovane che oltre ad essere attraente è anche intellettualmente sexy?!?
Brain is the new sexy guys, ricordatevelo.

Mi ha conquistata più o meno in questo punto.
"Ha ragione, nessuno scrive sonetti su Morgan Williams, perchè è impossibile farlo. Quattordici righe non basterebbero, su di lei ci si scrivono romanzi"
Mon Dieu. Come puoi rimanere impassibile ad una frase del genere?

Quindi, tirando le fila. Lo consiglio per la novità del professore di Letteratura. Credo che lo rileggerò ancora, almeno nei miei passi preferiti, poiché amo molto la letteratura (e sì, lo so, l'avevate forse intuito).
Scherzi a parte, da leggere. Ovviamente se amate il genere.


N.B. L'autrice sulla sua pagina ha rilasciato una news. Prossimamente sapremo se la storia avrà un seguito o meno.